Quel Bastardo del brennese

Ormai è il tormentone delle ultime settimane, chi è il Brennese Bastardo?

Ebbene io lo so.
Anzi io l’ho aiutato a creare la pagina. Poi sono tornato alle mie quotidiane faccende e da quel momento Paolo Colombo non ne ha più nulla a che fare.

Per molti tuttavia il BB sono io e se vi piace pensarlo fate pure, in fondo non è che la cosa mi interessi molto ed inoltre, a dirla tutta, un po’ bastardo lo sono veramente.

Però questa fregola che si è accesa sul BB mi ha fatto riflettere e porre qualche domanda.

Il BB sarà certamente bastardo ma non lo saranno un po’ anche i benpensanti che si indignano per la sua foto profilo e magari non sanno neppure chi era il “santo” che raffigura, che magari non sanno che è diventato santo perché vedeva i primi cristiani ridere della morte mentre loro ne sono terrorizzati, che magari non sanno che non era uno stinco di santo e che magari non sanno che è anche il protettore dei mercanti di morte? (ecco bravi cucciolotti, andate ad informavi).

Il BB sarà certamente bastardo ma non lo saranno anche i fedelissimi che si indignano per un po’ di ironia ma non lo fanno per l’indecenza dei loro amati?

Il BB sarà certamente bastardo ma non lo saranno anche gli ipocriti che predicano la pace e l’amore ma se potessero te le darebbero col bastone?

Il BB sarà certamente bastardo e grazie a dio c’è.

Mi sono andato a vedere tutti i post fin qui pubblicati dal BB e ci ho visto solo un po’ di sana, sanissima ironia, un po’ di sana, sanissima satira, due modi espressivi di cui il nostro paese “puccioso e smodatamente glicemico” (descrizione presa direttamente dalla pagina del BB) ha disperatamente bisogno. Un paese che a parole è tutto cuoricini ed amore ma sotto sotto è diviso, invidioso, chiuso, fazioso, protezionista, pettegolo, retrogrado, bigotto (ma solo in pubblico) ed in alcuni casi un po’ mafiosetto.

Ed allora viva il BB che mette alla gogna, che punta il dito, e che lo fa con l’arma della presa in giro, un’arma non cruenta e vecchia come il mondo, l’arma dei giullari, dei poeti, degli artisti, senza i quali il mondo sarebbe già finito.

Viva Brenna allora e viva quel Bastardo del brennese.

P.

Posted in 42