Noi Brenna e il commento ingannevole

Cosi scrivono sul loro pieghevole, appena distribuito ai brennesi: “il bilancio è banalmente il resoconto dato ai cittadini di quanto loro è stato chiesto in tasse e quanto è stato speso in investimenti, manutenzione e servizi. L’eventuale differenza tra quanto chiesto e quanto speso in termini tecnici è detto risultato di amministrazione”

E ancora: “.. la realtà dei fatti è invece quella portata dal grafico …”.

Banalmente ? L’eventuale? il grafico? Ma di cosa si sta parlando?

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza partendo dal dire, bene, ai cittadini cosa è per una amministrazione comunale IL RISUKTATO DI GESTIONE che risulta dall’approvazione del conto consuntivo da parte del Consiglio comunale e che deve essere deliberato ogni anno.

Cosa è il risultato di amministrazione o di gestione?

NEL BILANCIO DI UN COMUNE IL RSULTATO DI AMMINISTRAZIONE O GESTIONE (OVVERO IL CONTO CONSUNTIVO CHE DETERMINA L’AVANZO) E’ DATO DALLA SOMMA DEL FONDO DI CASSA (al 31 dicembre) PIU’ I RESIDUI ATTIVI (sostanzialmente crediti non ancora incassati) AL NETTO DEI RESIDUI PASSIVI (debiti non ancora pagati). NEL CASO IN CUI IL VALORE RISULTANTE SIA NEGATIVO SI PARLA DI DISAVANZO”.

Direi poi che la “realtà dei fatti è invece quella riportata dal grafico ..” non risponde al vero in quanto il consuntivo al 31 dicembre 2018, ancora in fase di elaborazione, deve essere ancora approvato dal Consiglio e poi, come si fa a scrivere, tenuto conto di come si forma il risultato di amministrazione, prima enuniato, che ” il trend dimostra l’inequivocabile tendenza dell’Amministrazione Vismara a chiedere ai brennesi più risorse di quelle che è in grado di destinare al bene comune”

Non è vero.

L’avanzo di Amministrazione al 31 dicembre 2017, segno anche di buona amministrazione di questa Giunta e delle precedenti, è stato di euro 710.829,99 cosi come risulta, non eventualmente o banalmente, dall”ultimo conto consuntivo approvato dal Consiglio comunale.

Tale somma non si è potuta utilizzare per via dell’applicazione, per Legge, del patto di stabilità che ne ha, di fatto, bloccato l”utilizzo.

A ottobre 2018, il Legislatore, ha sbloccato il vincolo, autorizzando i Comuni al suo utilizzo. E il nostro Comune lo sta utilizzando per investimenti che partiranno a breve quali l’asfaltatura di tre tratti stradali (a Pozzolo, lungo via Milano e la Valsorda) per euro 150.000 poi la riqualificazione del tratta di SP 39 al semaforo di Olgelasca per euro 60.000 (già realizzata o quasi) e altri 265.000 euro per la realizzazione della rotatoria all’altezza di via De Gasperi (utile a far rallentare il traffico lungo quel “tiro” di strada che attraversa Olgelasca).

L’aver utilizzato questo avanzo per investimenti e non per l’applicazione dello stesso alla parte corrente della spese è indice, non equivocabile, di BUONA AMMINISTRAZIONE che va a merito, anche, della GIUNTA VISMARA.

Graziano Ballabio


Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.