Elezioni 2019: atto primo

Iniziata la campagna elettorale 2019, questa volta sul serio.

Il 23 Febbraio u.s. il “nuovo” portavoce del gruppo “Insieme per Brenna“, sulla pagina FB “Sei di Brenna se“, ha dato ufficiale notizia che il candidato sindaco dell’attuale gruppo di maggioranza sarà Paolo Vismara.

Ecco le parole a commento del volantino della serata annunciata per il 6 Marzo prossimo:

Il bello dei social è che ci consentono di utilizzare con grande versatilità materiali di comunicazione che in passato avrebbero avuto circolazione limitata.
La Storia politica di INSIEME PER BRENNA, iniziava tanti anni fa’ con giovani determinati e rispettosi delle necessità della nostra bellissima Brenna! Oggi la rinnovata candidatura a Sindaco di Paolo vuole proseguire quel percorso avviato anni fa, facendo tesoro di tutti i “suggerimenti” dei concittadini pronti anche a mettersi ” in gioco”, senza retorica, per le prossime Generazioni!
Vi aspettiamo.
fabio

Dal titolo della serata si evince che sarà una occasione per ripercorrere quanto fatto nei quasi 5 anni di amministrazione Vismara e si annuncia la partecipazione del Sindaco e degli amministratori comunali (tutti?).
Si raccoglieranno (questo il termine usato) le disponibilità di chi vorrà candidarsi alla carica di Consigliere Comunale, certo a patto che si sia allineati al programma (già definito?) e agli obiettivi (già definiti?) della lista civica “Insieme per Brenna” per i prossimi 5 anni.

L’articolo di oggi (lunedì 25 Febbraio) sulle pagine de “La Provincia” conferma e chiarisce meglio la candidatura, le intenzioni e l’incontro previsto, anche se sul testo di questo articolo avremo modo di riflettere.

Mi auguro di tutto cuore che la serata sia affollata.

P.


5 thoughts on “Elezioni 2019: atto primo

  1. Massimo Sinesi Rispondi

    Chissà quali meraviglie ci saranno in serbo per la viabilità del paese, sarebbe bello ad esempio dal centro per poter andare a Cantù avere l’obbligo di passare prima per Pozzolo…
    Massimo Sinesi

  2. Graziano Ballabio Rispondi

    @ Massimo

    per andare a Cantù dal centro, senza salire fino alla rotatoria, non serve “l’obbligo di passare per Pozzolo” (evidente la tua ironia) ma ripristinare il doppio senso in via Fermi o, in alternativa, passare da piazza XXV Aprile.

    Non vedo altre soluzioni.

    Graziano

    1. Paolo Colombo Rispondi

      Graziano scrive:

      ripristinare il doppio senso in via Fermi o, in alternativa, passare da piazza XXV Aprile

      Soluzioni entrambe in netto contrasto con la sciagurata quanto costosa sperimentazione che di fatto disconoscerebbero l’operato della attuale Giunta. Le soluzioni proposte segnerebbero entrambe la morte della (inutile quanto costosa) ciclabile svuotando di contenuto (se mai l’abbia avuto) l’intervento su via Roma.

      In sostanza Graziano dice che quanto fatto in via Roma è SBAGLIATO, lo apprezzo ma faccia uno sforzo in più ed aggiunga la parola più appropriata: SPRECO.

      P.

      1. Graziano Ballabio Rispondi

        @ Paolo

        Solo una delle due soluzioni segnerebbe la “morte della ciclabile” l’altra no. L’altra segnerebbe solo la riapertura della piazza, con l’accesso ai relativi posti auto.

        Ma le soluzioni sono tre e, fino a questo momento, la Giunta ha scelto la terza, cioè quella messa in atto con la sperimentazione “aggiustata”, finora, solo con il ripristino del doppio senso, da via Marconi al civico n. 5, in via Trento..

        Io non dico che “quello fatto in via Roma” è sbagliato. No, dico solo che chiudere tutte le uscite su via Italia, esclusa la rotatoria, è un po’ eccessivo e quindi vanno valutate anche altre soluzioni.

        Spreco di soldi? No. La soluzione e la messa a punto della nuova viabilità, in centro paese, richiede un costo, che va finanziato. L’importante è rendere positiva la soluzione per auto, pedoni e ciclisti.

        Graziano

  3. Massimo Sinesi Rispondi

    @Graziano

    Hai colto l’ironia, quello che mi lascia molto perplesso è che, nonostante l’incontro con la cittadinanza, le modifiche applicate alla “sperimentazione” credo non abbiano tenuto minimamente conto dei suggerimenti dei brennesi e per l’ennesima volta questa giunta non sta ascoltando nessuno. Nel frattempo le elezioni si avvicinano…
    Ciao

    Massimo

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.