Amministratori de coccio?

Alé, si proroga ancora.

Con la delibera n. 15 del 22 Febbraio 2019 la Giunta (in forma ridotta) allunga i tempi della sperimentazione della viabilità modificata nel comparto via Roma fino al 30 Giugno 2019.

Dicembre, Gennaio, Febbraio e poi Marzo, Aprile, Maggio e Giugno. Sette mesi, più di 200 giorni per decidere se un senso unico va bene oppure no, questo il tempo (sempre che possa bastare) che i nostri amministratori ritengono di avere bisogno per decidere.
Sorvolando sulla discutibile opportunità di deliberare una proroga che va oltre il mandato elettorale appare evidente che la necessita di questo tempo sia una auto-dichiarazione di limitatezza se non addirittura di incapacità.

Si forma spontanea nella mia mente l’immagine del sindaco o degli assessori che passano ore con lo sguardo perso nel vuoto di fronte ad una vetrina di pasticcini nell’imbarazzata impotenza di decidere quale scegliere e nel dubbio prorogano, prorogano, prorogano …

In un articolo del 29 Gennaio ironizzavo sulla prima proroga deliberata dalla Giunta con il titolo “SPERI(che non)MENTA”: speranza vana.

P


10 thoughts on “Amministratori de coccio?

  1. Massimo Sinesi Rispondi

    C.V.D. come volevasi dimostrare, incapacità assoluta di ascolto e atteggiamento totalmente autoreferenziale.
    Non sono bastate le decine di brennesi che hanno segnalato i disagi e i nuovi pericoli, peggiori di quelli vecchi, per far cambiare rotta sulla nuova viabilità in centro.
    Vorrà dire che aspetterò la nuova maggioranza dopo le elezioni per risolvere il problema…
    Massimo Sinesi

    1. Ballabio Graziano Rispondi

      @ Massimo

      Io credo che l”ulteriore proroga serve, alla Giunta, per definire al meglio alcune modifiche che potrebbero essere ancora introdotte, oltre al ripristino del doppio senso in via Trento già reso operativo.

      modifiche che potrebbero riguardare, sempre a mio parer, il comparto centrale del Paese (piazza XXV Aprile compressa).

      Proroga fino al 30 giugno? a mio parere una data solo indicativa rispetto a decisioni che saranno prese, sempre a mio parere, molto prima.

      Sicuramente prima del 26 maggio.

      Graziano

      1. Massimo Sinesi Rispondi

        @Graziano
        Ma possibile che dopo 2 mesi di “sperimentazioni” e dopo aver avuto il parere contrario dei cittadini, gli unici a non avere ancora capito che i cambiamenti fatti peggiorano la viabilità e creano pericoli ancora più grandi siano quelli della giunta di maggioranza? Quanto tempo gli serve ancora per non capire?
        Mi spiego meglio: l’uscita da via Marconi su via Roma, obbligatoria per uscire dal centro, è PERICOLOSISSIMA, non ci sono specchi che tengano perchè le auto che escono devono per forza passare su una ciclopedonale a doppio senso dove si fa fatica a vedere soprattuttp chi arriva alla loro destra. Lasciamo poi perdere il fatto di dover girare mezzo paese. Riaprire la piazza? Vuol dire rovinarla. L’unica soluzione per mantenere l’accrocchio attuale rendendolo sostenibile secondo me è quella di rendere via Fermi un senso unico in uscita su via Italia.
        Ciao, Massimo

  2. Giuseppe Donghi Rispondi

    @ Massimo Sinesi … concordo con te sul fatto che uscire da via Marconi su via Roma anche con i nuovi specchi è sempre un problema per il fatto che inevitabilmente devi attraversare una pista ciclopedonale e non so se questo è nei termini di legge, oltre al fatto che se piove o si forma la rugiada gli specchi diventano inutili. Per quando riguarda via Fermi se la fai a senso unico con uscita su via Italia … io e tutti in via Trento siamo sempre nella cacca. In via Roma non ci posso entrare perchè bloccato dalla stronzata del doppio senso in via Trento che si blocca al civico N°5 creando una zona franca di 70/80 metri (assurda) quindi siamo costretti a fare il giro infernale fino alla rotonda a Nord … e quando ritorno a casa? Entro da via Leonardo da Vinci? In piena curva in via Italia? (ti rendo conto che pericolo diventa convogliare il traffico di via Trento su un’unica via (Leonardo da Vinci) stretta fra due case e recinzioni ed anche in curva?) … e comunque dovrei entrare in via Leonardo allo stop su via Roma salire un pezzetto a nord e poi entrare in via Marconi e finalmente arrivo a casa in via Trento. Ma ti rendi conto? Questa nuova sperimentazione della viabilità fa acqua da tutte le parti….. e qui mi rivolgo anche a @Graziano che la difende dando già per scontato che via Trento rimarrà con il doppio senso bloccato al civico N°5 – Via Roma è da sempre una via problematica come viabilità ma con queste nuove imposizioni e manie di fare una ciclopedonale ed il senso unico crea e creerà problemi maggiori e soprattutto non risolve le pericolosità esistenti ma le peggiora ulteriormente. Smettiamola di fare esperimenti … io ritorno a ridirie che ” piuttosto che fare tanto per fare è meglio non fare” Per far spazio a 4 pedoni e 2 biciclette non abbiamo risolto nulla .. oltre al fatto che le macchine sono ancora a contatto con i pedoni e le biciclette come prima .. i parcheggi non sono aumentati .. e dagli ultimi fatti ..gente in contromano, in retromarcia, che impreca, che parcheggia ovunque ..e questo è segno di inciviltà, ma lasciatemelo dire .. anche di gente incazzata. Fate vobis.

    1. Graziano Ballabio Rispondi

      @ Giuseppe

      Io non do affatto “già per scontato che via Trento rimarrà con il doppio senso fino al civico 5” . perché può non essere cosi.

      Se non si vuole passare dalla piazza via Fermi deve tornare a doppio seno come pure tutto il tratto che porta, da Peppo Pizza, al civico 5 di via Trento e rivedendo, ovviamente, il ruolo della ciclabile.

      L’uscita da via Marconi su via Roma e quella di via Fermi su via Italia? Oltre agli specchi occorre, a mio parere, “smussare” gli angoli delle recinzioni, come già fatto in altri contesti.

      Credo che uno dei motivi per cui la Giunta abbia prorogato la sperimentazione indicando come durata, per eccesso di prudenza, la data del 30 giugno sia proprio legato alla valutazione di questi aspetti, anche per dare risposte soddisfacenti a quanto segnalato, in modo particolare, dalle persone che, il cento paese, lo abitano e lo vivono tutti i giorni.

      Graziano

  3. Massimo Sinesi Rispondi

    @Giuseppe

    Capisco quello che scrivi e concordo con te sul fatto che la soluzione più semplice per migliorare viabilità e SICUREZZA è probabilmente quella di tornare alla vecchia situazione con magari delle migliorie come ad esempio l’imposizione di un limite di velocità di 30 km /ora e una soluzione che riduca la velocità delle auto su via Italia in prossimità di via Fermi.
    Ma tanto la giunta di maggioranza vedrai che continuerà a non capire, forse l’unico modo affinchè si schiariscano le idee potrebbe essere che passassero a minoranza dopo le prossime elezioni.

    Ciao!

    1. Graziano Balabio Rispondi

      @ Massimo

      tu scrivi:

      “ma tanto la Giunta vedrai che continuerà a non capire, forse l’unico modo affinché si schiariscano l idee potrebbe essere che passeranno a minoranza dopo le prossime elezioni ”

      Non sappiamo quale sarà l’esito del voto e, di conseguenza, non sappiamo nemmeno chi sarà il Sindaco che nominerà la nuova Giunta. Lo sapremo il 27 maggio, dopo lo spoglio delle schede che saranno depositate nell’urna dagli oltre 1.800 elettori brennesi iscritti a votare.

      Quello che sappiamo, oggi, è che il primo candidato in campo per la carica di Sindaco si chiama Paolo Vismara, l’attuale Sindaco, che è stato indicato, in modo unanime, dal gruppo civico di Insieme per Brenna.

      Altri candidati, al momento, non li conosciamo.

      Quindi non possiamo ancora conoscere quale sarà il loro punto di vista in merito al nodo viabilità, nel cento paese, di cui si sta discutendo da mesi.

      E dalla minoranza, quella presente in Consiglio, non abbiamo ancora notizia di una presa di posizione chiara rispetto al tema di cui si sta parlano.

      Auspicare, come fai tu, una soluzione del problema solo cambiando i vertici comunali , senza avere cognizione delle possibili soluzioni ,mi pare, francamente, solo un azzardo.

      Io sono convinto che, a breve, la Giunta definirà una soluzione – la proroga deliberata serve anche a questo – che saprà darà soluzioni concrete, tenendo anche conto delle segnalazioni pervenute da parte delle persone che, in particolare, risiedono e vivono in centro paese.

      Graziano

  4. Massimo Sinesi Rispondi

    @Graziano

    Ovviamente la mia è ironia, amara ma pur sempre ironia e ovviamente non posso sapere quali saranno i risultati elettorali. Parlando con diversi miei concittadini l’impressione che ho avuto è che la delusione per l’operato dell’attuale maggioranza sia molto forte quando invece la sensazione su come era percepita la maggioranza che ha preceduto quella attuale era molto positiva. Magari avrò io delle sensazioni sbagliate ma con l’accrocchio che è stato fatto in centro che, a mio parere, è l’ennesima scelta discutibile di questa maggioranza e con il fatto che siamo molto vicini alle elezioni non credo si stiano creando condizioni favorevoli ad una riconferma dello stesso Sindaco e dello stesso gruppo di lavoro. Credo che serva più che mai un netto cambiamento di rotta rispetto agli ultimi 5 anni e, a questo punto, credo che sia possibile solo con un cambiamento significativo del gruppo di candidati alle elezioni con Insieme per Brenna.
    Ma magari il 6 marzo ci stupirete con “effetti speciali”

    Ciao!

  5. Giuseppe Donghi Rispondi

    Ciao @Graziano, Grazie per la risposta .. concordo con te sul fatto che se la Piazza XXV Aprile rimane chiusa allora via Fermi deve tornare a doppio senso .. e mi piace quando dici che per entrare ed uscire su via Italia bisogna smussare i muri di recinzione per aumentare la visibilità e soprattutto la sicurezza .. perchè come avrai notato venendo da Alzate la via Fermi la vedi solo all’ultimo così ben nascosta tra le recinzioni .. queste sono le cose da fare .. lo so che bisogna andare a parlare con i proprietari .. ma tutto si può risolvere, Spero davvero in una buona soluzione della viabilità nel centro perchè così come è ora con le nuove modifiche è veramente bloccata per chi ci abita, per gli esercizi, per chi viene da fuori come è successo a me per la revisione della caldaia l’operatore ha fatto tre giri prima di venire a casa mia .. poi ci troviamo con i furbi che mettono a repentaglio la vita degli altri. A mio avviso Via Trento, via Marconi, via Roma fino a Peppo Pizza o fino all’incrocio con via Marconi devono ritornare a doppio senso di circolazione se non vogliamo bloccare tutta quella parte del centro di Brenna .. cercando le soluzione adeguate per eliminare eventuali pericoli sulle suddette vie. Ciao Graziano. Buon fine settimana.

  6. Massimo Sinesi Rispondi

    Finalmente la sperimentazione è finita ed è stata trovata la giusta soluzione!!!! Gaudio e tripudio!!!
    …come? ah già… oggi è il primo di aprile…

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.