Andiamo piano e nel divieto

Ricevo via mail alcune foto, ritengo opportuno pubblicarle.

di qua …
di la ….
e via che si va a dare il buon esempio.

Legenda:

Andando oltre la provocazione (certo che chi predica bene dovrebbe “razzolare” altrettanto) la questione resta. Se si parla di viabilità lenta, di priorità alle biciclette si parta dall’adeguamento della segnaletica, si parta dalla definizione dei percorsi, altrimenti si rischia di fare solo retorica. Non oso pensare cosa accadrà se e quando verrà sperimentata la nuova viabilità in via Roma.

P.

Integrazione del 30 Settembre 2018
L’Assessore Lucia Ballabio sulla sua pagina FB si auto denuncia come protagonista dell’articolo qui sopra dichiarando:

A chi non mi avesse riconosciuto, dico che sono io che passo in bicicletta in piazza XXV aprile.
A chi mi accusa di aver commesso un’infrazione, dico che ha ragione: con un cartello di divieto di transito non si passa in bicicletta.
A chi mi accusa di incoerenza tra l’azione pubblica e il comportamento privato, dico che forse ha frainteso il concetto di “utenza debole” della strada per cui consiglio di rileggere la definizione nell’art. 3 del codice della strada. Sarei incoerente se mi muovessi tutti i giorni da casa in comune, a scuola, in biblioteca, all’oratorio, dal medico, al parchetto in auto, ma rivendico di poterlo fare in bicicletta. Non mi sembra nemmeno ci fossero pedoni messi in pericolo dal mio passaggio.
A chi pensa davvero che alle biciclette dovrebbe essere impedito quel transito dico che forse dovrebbe considerare che, oltre alla sottoscritta, numerose famiglie, bambini e lavoratori scelgono quotidianamente di muoversi a Brenna in bicicletta e devono poter disporre di un passaggio in sicurezza che non li costringa ad usare la Provinciale.
A chi pensa che in piazza siano fuori luogo le biciclette e non, magari, le auto, dico solo che abbiamo un’idea diversa di paese. Nella mia, via Roma-piazza XXV aprile-piazza Perego-via Grimello sono la dorsale di Brenna da valorizzare per la “mobilità lenta”, sia di pedoni che di bici. Il codice della strada prevede già che le aree pedonali siano transitabili anche con biciclette, purché ovviamente non siano di pericolo per i pedoni. Per cui, se occorre migliorare o correggere la segnaletica rafforzando questa visione, coerente anche con il CdS, sarà mio impegno promuovere che con la prossima sperimentazione viabilistica – nella quale in via Roma e via Fermi è già prevista la definizione di specifici spazi riservati per pedoni e biciclette – sia introdotta una regolamentazione anche per la piazza.
A chi mi saluta di fronte, mi lascia passare, mi fotografa alle spalle e diffonde foto pseudo camuffate, dico che passo di lì, a piedi o in biciletta, più volte alla settimana, non occorrono appostamenti e, se vuole risposte più immediate o, peggio, bloccare comportamenti che ritiene pericolosi, può fermarmi quando vuole per dirmi di persona quello che pensa perché facebook lo uso proprio poco e non ho molto tempo per applicarmici.

A lei rispondo:

Il benaltrismo è una brutta malattia, diffusissima.

Io ho scritto l’articolo pubblicandolo sul blog
Ho ricevuto via mail le foto, ho provveduto a difendere la privacy delle persone coinvolte ponendo tuttavia il problema.

Ora l’Assessore Ballabio ritiene opportuno dichiarare pubblicamente di essere l’autore dell’infrazione ed infatti scrive:

“A chi mi accusa di aver commesso un’infrazione, dico che ha ragione: con un cartello di divieto di transito non si passa in bicicletta.”

Sarebbe bastato questo per mantenere un minimo di dignità, annaspare cercando scuse non le fa onore.

Il fatto resta, si tolgano i cartelli o si eviti di commettere infrazioni. TUTTO IL RESTO È ARIA FRITTA.

Progetto via Roma: qualche domanda

Testo di Fiorenzo Consonni e Paolo Colombo

Qualche tempo fa in un articolo demmo notizia della volontà della Giunta di modificare la viabilità in via Roma istituendo sensi unici e modifiche delle precedenze. A distanza di più di un mese ancora nulla ha fatto seguito all’annuncio.
Nel caso l’intento si concretizzi crediamo sia opportuna qualche domanda anche in considerazione del fatto che le scelte viabilistiche sarebbero dettate dalla volontà dell’Amministrazione di prediligere la “viabilità lenta” dando la “precedenza” a pedoni e biciclette.

Nella serata di presentazione del progetto di riqualificazione del centro storico (VIVIcentro BRENNA) furono presentate alcune elaborazioni grafiche (figlie del costosissimo studio affidati al Politecnico di Milano?) come ipotetiche realizzazioni della riqualificazione della via Roma, eccole:

Dov’è finita l’attenzione alla viabilità lenta? i percorsi protetti? gli spazi dedicati alle biciclette? Stendiamo un pietoso velo circa l’assoluta impossibilità di utilizzare i parcheggi dell’immagine a sinistra nel caso di senso unico verso la piazza con l’unica eccezione per le auto britanniche.

L’architetto Fiorenzo Consonni ha provato ad immaginare una riqualificazione che segua il mantra dell’amministrazione: pedoni e bici “uber alles”:

Elaborazione grafica di Fiorenzo Consonni

Salta subito all’occhio un non trascurabile dettaglio: l’impossibilità di ricavare parcheggi.
Ed allora ecco alcune domande agli amministratori:

  1. Come verrà risolto il cronico problema di via Roma: mancanza di marciapiede e di 40 parcheggi privati, che attualmente occupano gratuitamente il suolo pubblico?
  2. Come far convivere auto, pedoni e biciclette con gli spazi a disposizione?
  3. Come trovare un compromesso accettabile per la sopravvivenza delle (poche) attività commerciali che insistono sulla viabilità relativa alla zona di intervento?
  4. Perché non valutare (tra le opzioni possibili) anche la riapertura di piazza XXV Aprile nell’ottica di una revisione del viabilità del comparto centro?

E si potrebbe continuare …

Insieme per l’informazione – Agosto 2018

Il gruppo di maggioranza “Insieme per Brenna” ha pubblicato il nuovo numero del loro periodico di informazione.

Il nuovo PGT (Piano di Governo del Territorio) monopolizza le pagine della pubblicazione.
Sul tema vi ricordo il prossimo incontro pubblico: https://www.agorabrenna.it/incontro-pubblico-pgt/

Di seguito il link al file PDF: